Castaldo: "Voglio restare ad Avellino a lungo. Vogliamo vincere il derby di ritorno all'Arechi. Su Novellino..."

di Ugo De Mattia
articolo letto 2057 volte
Foto

Nel corso della trasmissione "0825" in onda su OttoChannel è intervenuto l'attaccante dell'Avellino Gigi Castaldo, che ha risposto a diverse domande, partendo proprio dalla sfida pareggiata al Partenio-Lombardi contro il Cesena: "Anche ieri l’Avellino è stato punito sull’unico tiro in porta del nostro avversario. Non dobbiamo abbatterci perché abbiamo disputato una grande partita, i miei compagni hanno costruito diverse occasioni da gol e il loro portiere è stato bravo. Manca la cattiveria necessaria per chiudere le gare, anche noi attaccanti dobbiamo essere più cinici. Il gol di Cacia forse doveva essere annullato per un fallo su Morero. L'arbitro non ha fischiato e non possiamo farci nulla”.

Come mai si subiscono tante reti?

“Se prendiamo sempre gol non è soltanto colpa della difesa, ma di tutto il collettivo. Questo è un campionato difficile e molto equilibrato, quando riesci ad andare in vantaggio, soprattutto in casa, non puoi sempre subire rimonte. La vittoria è l’unica medicina per uscire da questo periodo particolare”.

I tifosi aspettano con ansia il tuo rientro in campo...

“Domani mattina effettuerò un’ecografia e faremo il punto della situazione, spero di recuperare quanto prima al 100% per dare una mano ai miei compagni. Come ho detto spesso, noi calciatori di maggiore esperienza possiamo essere importanti in campo e fuori anche per la crescita dei più giovani”.

C'è qualcosa che ti ha sorpreso del mister?

“Novellino ha allenato tantissimi anni in serie A, mi ha colpito la sua grandissima voglia di rimettersi in gioco anche in B. E' una persona estremamente ambiziosa, desidera togliersi delle grandi soddisfazioni con l’Avellino e ci dimostra questo non solo nei 90 minuti del sabato, ma anche allenamento dopo allenamento. E’ un irpino ed è un tifoso biancoverde, nello spogliatoio ieri era molto amareggiato dopo il pareggio del Cesena e quando perdiamo la vive con grande tensione emotiva. Va apprezzato per il suo grande attaccamento alla maglia”.

Qualcuno dice che la negatività dell'ambiente incida sulle vostre prestazioni...

“Parlo per me: personalmente non seguo le trasmissioni sportive, preferisco trascorrere il tempo libero con la famiglia. Chi gioca ad Avellino sa che c’è passione e c’è pressione, a me piace giocare in una piazza del genere perché adoro scendere in campo con tantissimi tifosi sugli spalti. I risultati negativi non dipendono affatto dalla componente ambientale, anzi è importante che il pubblico ci aiuti e che noi calciatori riusciamo a sfruttare il fattore campo quanto più possibile”.

C'è voglia di riscattare a ritorno la sconfitta nel derby di andata?

“C’è tempo per pensare al derby, noi sicuramente vogliamo vendicare quella partita che ci ha segnato tanto. Potevamo fare un altro campionato se avessimo vinto, ma il calcio è questo. Prima della Salernitana ci aspettano altre gare fondamentali, ma è chiaro che andremo all’Arechi per regalare un sogno alla nostra tifoseria”.

64 reti in gare ufficiali con l'Avellino, quali ricordi con maggiore emozione?

“Il gol più bello l’ho segnato contro il Frosinone, ma ricordo volentieri anche quelli con Gubbio e Ternana, molto difficili dal punto di vista tecnico. Spesso ci provo con l’esterno, mi va bene e sono contento. Spero di realizzarne ancora molti per dare una mano all’Avellino”.

Parlaci un po' di questa squadra...

“Sono arrivati nuovi calciatori che pian piano dovranno integrarsi con i "vecchi". Wilmots ha tantissime qualità ed è molto giovane, è ancora presto per capire se è un calciatore importante ma è evidente che abbia grandi potenzialità. Voglio sottolineare anche l’atteggiamento di Ardemagni, mi dispiace molto che questi 30 punti non rendano giustizia ad un gruppo forte e che non molla mai. Bidaoui è di altra categoria, speriamo possa presto tornare in condizione. Moretti si allenava da grande professionista anche quando era fuori, ieri è tornato e ha avuto la personalità di mettere la palla sul dischetto al 90’ senza alcuna paura”.

Quanto sarà difficile il prossimo turno?

"Andiamo ad affrontare un avversario molto organizzato, temibile tra le mura amiche. Sappiamo che giocheremo in un campo difficilissimo, il Venezia subisce pochissimi gol e si trova con merito nelle prime posizioni della classifica. Toccherà a noi dare tutto dal primo al novantesimo, la speranza è di tornare a casa con una bella vittoria"

Che futuro ci sarà per Gigi Castaldo?

“Il mio contratto scade nel 2019, sapete tutti che mi trovo benissimo qui e anche quest’anno, a gennaio, ho rifiutato tutte le offerte che mi sono arrivate. Spero di poter raggiungere un accordo con la società per restare ancora più a lungo. Non ho rimpianti per nulla, sono molto attaccato alla famiglia e ho preferito giocare vicino casa. Forse potevo togliermi qualche soddisfazione in più, ma sono contento di tutto quello che ho fatto”


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy