L'Avellino sfiora il successo esterno dopo una buona prestazione. Peccato per le assenze, ma il Lupo è vivo più che mai

di redazione TuttoAvellino
articolo letto 1781 volte
Foto

Quattro punti in due partite, bottino niente male per Claudio Foscarini sulla panchina dell'Avellino, considerando che i biancoverdi hanno affrontato prima la corazzata Perugia e poi una diretta concorrente per la salvezza, ovvero la Virtus Entella. Il tecnico degli irpini si è ritrovato con le scelte obbligati per i tanti infortuni occorsi ai suoi giocatori e nel consueto 4-4-2 ha schierato Morero al centro della difesa con Ngawa a destra e Laverone esterno di centrocampo. In attacco riconfermari Asencio e Castaldo. Una partita tutto sommato positiva quella disputata dall'Avellino che nel primo tempo non ha fatto tantissimo, attaccando quasi sempre verticalmente e affidandosi alle spallate dei due attaccanti. La Virtus Entella dal canto suo non ha creato enormi pericoli, eccezion fatta per l'occasione di Belli al 42' che tutto solo si è fatto ipnotizzare da Lezzerini. Nella ripresa gara sicuramente più interessante con l'Avellino che passa subito in vantaggio al 7: cross di Molina al bacio per la girata aerea di Asencio che non perdona e sigla la rete dello 0-1. Vantaggio ben gestito dagli irpini per buona parte della seconda frazione di gara con i biancoverdi padroni del campo ed Entella incapace di reagire dopo il gol dell'attaccante spagnolo dei Lupi.

Foscarini si gioca le carte Ardemagni e Gavazzi, con quest'ultimo al posto di Laverone sulla corsia di destra per dare maggiore freschezza anche alla fase di copertura. I locali crescono e spingono anche grazie ai cambi con l'ingresso di De Luca e Gatto gettati nella mischia da Aglietti. Il primo dà vivacità alla manovra offensiva dei liguri e propizia il pareggio che arriva al 32' toccando di testa il pallone e servendo capitan Ceccarelli che sigla l'1-1. L'Avellino comincia a soffrire e si difende dagli attacchi dell'Entella che sfiora addirittura il ribaltone con Crimi e Cremonesi. Bravissimo Lezzerini nella prima occasione. Un punto a testa, ma un risultato che comunque sorride all'Avellino che si porta in vantaggio negli scontri diretti contro i diavoli neri e raggiunge quota 40 punti in classifica. Si è vista una squadra sicuramente compatta e determinata, una buona prestazione per gli irpini che si dovranno ora preparare alla difficile partita di martedì sera contro il Frosinone.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy